Generazioni Future

Rete per i Beni Comuni, la conversione ecologica e le generazioni future

La Rete per i Beni Comuni, la conversione ecologica e le generazioni future

Il progetto di Rete permanente per i beni comuni, la conversione ecologica e le generazioni future muove da una nuova visione che ha per obiettivo una politica sui beni comuni tale da riunire in modo equilibrato diverse dimensioni dell’essere umano: economica, sociale, relazionale, democratica e spirituale.

Il lavoro di costruzione della rete, iniziato nel febbraio 2020, ha portato oltre 20 organizzazioni, provenienti da ambiti culturali profondamente diversi, ma che condividono la necessità di un cambiamento profondo nella gestione dei beni comuni nel nostro Paese, a lavorare insieme per alcuni mesi e a presentare al pubblico, il 4 e 5 ottobre 2020, un Manifesto aperto che ne sintetizza finalità e obiettivi (in allegato e scaricabile qui: http://www.retebenicomuni.org/Manifesto.html).

L’impegno comune, in questa seconda fase, consiste nel creare le condizioni per strutturare la rete: i lavori in corso vedranno il Comitato Promotore (costituito il 15 gennaio 2021) operare per la fase costituente della rete stessa. https://generazionifuture.org/wp-content/uploads/Atto-costitutivo-comitato-promotore-26245.pdf

I passaggi successivi sono quelli della definizione del quadro operativo e finanziario del lavoro di rete, oltre che della sua comunicazione.

L’adesione alla costituenda  Rete e la partecipazione ai lavori hadue diversi livelli di coinvolgimento, non alternativi:

  • la sottoscrizione del Manifesto, con l’obiettivo di una sua definizione finale, rendendosi disponibili a partecipare attivamente alle sessioni plenarie che si tengono ogni due settimane;
  • l’ingresso nel Comitato Promotore (entro il 15 aprile per parteciparvi da protori/fondatori), per condividere la responsabilità di supportare la fase costituente e partecipare anche ai gruppi di lavoro che si occupano di definire i vari aspetti giuridici, operativi e funzionali della rete stessa 

Il piano operativo condiviso dalle associazioni firmatarie ha come obiettivo di definire i principali punti attuativi, con un lancio al pubblico dell’iniziativa entro la prima metà dell’anno.

La sottoscrizione del Manifesto non costituisce obbligo di successiva adesione, e consentirà di contribuire in maniera propositiva al lavoro del Comitato Promotore.

L’ingresso nel Comitato Promotore, in qualità di fondatori/promotori fino al 15 aprile 2021, comporterà la contribuzione ad un fondo comune per sostenere le spese vive di questa fase di costruzione. Il Comitato resterà aperto all’ingresso di nuovi soci, e non costituisce obbligo di partecipazione alla costituzione della futura Rete.

I materiali di Rete e i video dell’annuncio di Messina sono disponibili sul sito e sulla pagina Facebook dedicati 

(entrambi saranno sviluppati come piattaforma nei prossimi mesi):

http://www.retebenicomuni.org/

https://www.facebook.com/Rete-Beni-Comuni-105475114655746/

Il Comitato Rodotà, già tra i promotori della costituenda Rete dei Beni Comuni, con la firma del Manifesto di Messina  si impegna a promuovere e a sostenere questo percorso, e a partecipare attivamente alla fase fondativa della Rete: per i beni comuni, la conversione ecologica, le generazioni future.

Nel 2021 con lo scioglimento del Comitato Rodotà per incorporazione nella Cooperativa, questa subentra nel ruolo precedentemente svolto dal Comitato.

 

Documenti.
Siti internet.
Elenco organizzazioni firmatarie del manifesto.
(al 05/10/2020)
 
  • Alleanza della Generatività,
  • AlterLab,
  • Associazione CommON,
  • Asvis,
  • Comitato Rodotà,
  • Confcooperative-Federsolidarietà,
  • Favara Cultural Park,
  • Fondazione Finanza Etica,
  • Fondazione Horcynus ORCA,
  • Fondazione Riusiamo l’Italia,
  • Forum delle Associazioni Familiari,
  • Forum del Terzo Settore,
  • L’incontro,
  • L’Italia che cambia,
  • Nativa,
  • On! Impresa Sociale,
  • Vita,
  • R&P Legal,
  • Slow Food Italia,
  • Social Innovators Community,
  • Fondazione Symbola

Altre organizzazioni firmatarie (al 03-03-2021)

  • Unione Buddhista Italiana
  • Urban Experience
  • Italia Nostra Messina
  • Fondazione Pistoletto – Città dell’Arte
  • Core Value
  • Cooperativa Eliodoro
  • IUC  Torino (International University College)
  • Music Innovation Hub
  • Associazione Culturale l’Avamposto
  • APIMIC – Ass. PIccole e Medie Imprese Costruzione
  • Arkè
  • Associazione Progetto Brescia Nuova
  • Borgo Slow
  • Actionaid Italia
  • Ultraspazio
  • Fondazione Giulio Einaudi
  • Ciclofficina TR22o
  • Fondazione di partecipazione delle buone pratiche
  • Associazione Spazio Solidale
  • Agenzia Siciliana per il Paesaggio
  • Rete del Dono Società Benefit Srl
  • Pro Loco Acireale
  • Associazione Borghi e Dimore
  • Associazione Nisolò
  • Comitato Promotore della Fondazione Da Vinci
  • Officine condivise APS
  • Badia Lost & Found soc. coop.
  • Cooperativa Sociale Smart ONLUS
  • Decontaminazione Sicilia
  • Comitato d’Amore per Casa Bossi
  • OpenPolis
Notizie.
C’ERA UNA VOLTA UN RE

In principio era l’acqua. Ma poi c’era l’energia. E la privatizzazione di tutti i servizi del regno. E furono le persone che decisero di ricordare al Re che il suo regno, seppur sconfinato, aveva bisogno di fare i conti con i suoi sassi, i suoi alberi, le sue contrade e le sue creature.  E il

Leggi tutto »
La scuola che non c’è
(e che vogliamo)

di Danilo D’Angelo  Chi mi conosce sa che pecco di memoria. Non sono mai riuscito a recitare una poesia o a ricordarmi i numeri telefonici, prima che la vita di tutta l’umanità venisse modificata dall’arrivo dei telefoni cellulari. Incredibilmente, però, so a memoria tutti i testi dei musicisti che apprezzo maggiormente, nonostante siano brani degli

Leggi tutto »
Acqua Bene Comune. Facciamo il punto.

Ai primi di dicembre l’acqua, risorsa naturale preziosissima e imprescindibile, è stata quotata a Wall Street, come si fa con l’oro o il petrolio (peccato che quegli altri beni non si bevano e non siano indispensabili per la sopravvivenza). Secondo uno studio recente montagne e ghiacciai di tutto il mondo non riescono più a immagazzinare

Leggi tutto »
RETE PER I BENI COMUNI, LA CONVERSIONE ECOLOGICA E LE GENERAZIONI FUTURE

Il progetto di Rete permanente per i beni comuni, la conversione ecologica e le generazioni future muove da una nuova visione che ha per obiettivo una politica sui beni comuni tale da riunire in modo equilibrato diverse dimensioni dell’essere umano: economica, sociale, relazionale, democratica e spirituale. Il lavoro di costruzione della rete, iniziato nel febbraio 2020, ha portato

Leggi tutto »
Acqua e finanza, il nuovo business dei falchi di Wall Street

La notizia che l’acqua verrà quotata a Wall Street con dei titoli derivati è rimbalzata sui media internazionali, consentendo di inquadrare la nuova speculazione voluta dalle grandi istituzioni internazionali – Fondo Monetario e Banca Mondiale, con il placet dell’Unione Europea – a scapito delle popolazioni più vulnerabili a livello mondiale. Com’è già accaduto per altri

Leggi tutto »
Eventi.
Una mucca non fa prosciutto

di Danilo D’Angelo Non sono avvoltoi: gli avvoltoi quando individuano una potenziale preda volteggiano in assoluto silenzio, senza movimenti inutili, composti nell’attesa. No, queste sono iene, che vanno su e giù facendo una cagnara notevole, alzando un sacco di polvere. Lo fanno per paura, per darsi manforte, perché da sole non avrebbero il coraggio di

Leggi tutto »
Perché è importante essere azionisti di Generazioni Future? Qual è il contesto e lo scopo della nostra “azione”?

di Ugo Mattei a tutti gli Azionisti di Generazioni Future Riprendo quanto dissi all’ assemblea politica romana del 12 giugno scorso (anniversario referendum acqua) la quale tuttavia è stata meno frequentata di quanto era sperabile (purtroppo la gestione del COVID ci ha un pò disabituati a viaggiare e a impegnarci fisicamente!) e quindi mi pare

Leggi tutto »
MATTEI RISPONDE A SOFRI: vaccino bene comune?

PUBBLICHIAMO DI SEGUITO LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE UGO MATTEI AD ADRIANO SOFRI, qui per leggere l’intervento di Sofri sul Il Foglio, ci auguriamo che la Piccola Posta del suddetto giornale pubblichi la risposta del professor Mattei  Caro Adriano, mamma mia come corre il tempo! Secondo me ci siamo visti a Pisa, con Marco Boato, meno

Leggi tutto »
Considerazioni sul fotovoltaico siciliano e nazionale

di Antonio Andolfi Repubblica parla di 209 progetti presentati tra il 2019 e il 2021: l’85 per cento nell’ultimo anno. “Una corsa che non si spiega se non con la deregulation che garantisce al momento l’isola”. Un’area, enorme, pari a 14.592 ettari interessata, per una potenza, prodotta dagli impianti, per 7.184 megawatt: cinque volte in

Leggi tutto »
GREEN PASS: appello e raccolta firme

di Ugo Mattei Come Presidente della Società Cooperativa di Generazioni Future che dedica a Stefano Rodotà la propria azione a tutela dei beni comuni, dei diritti e delle generazioni future oltre che come giurista sento il dovere di esprimere la mia apprensione per le spericolate dichiarazioni giornalistiche rilasciate da tre ex giudici costituzionali relative alla

Leggi tutto »
SICILIA E FOTOVOLTAICO : l’azione delle associazioni per bloccare la nuova colonizzazione

Generazioni Future Sicilia insieme ad oltre 20 associazioni hanno prodotto un documento destinato all’ARS (Assemblea Regionale Siciliana) e all’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) con lo scopo di sollecitare l’adozione, da parte della Regione Sicilia, del Piano Energetico che regolamenta l’istallazione di impianti fotovoltaici tutelando allo stesso tempo paesaggio, agricoltura, cittadini e agricoltori, al fine di

Leggi tutto »
Torna su