ulti meno tizie

non è un errore, è solamente una diversa prospettiva linguistica

I soci della Cooperativa possono usare questo bottone per portare all’attenzione del Dipartimento giuridico le problematiche del proprio territorio riguardanti beni pubblici, beni comuni, usi collettivi o usi civici.

Scopri di più CLICCA QUI 

.

TESTIMONIANZE

La «rivoluzione dei beni comuni», che ci porta sempre più intensamente al di là della dicotomia proprietà privata/proprietà pubblica; ci parla dell’aria, dell’acqua, del cibo, della conoscenza; ci mostra la connessione sempre più forte tra persone e mondo esterno, e delle persone tra loro; ci rivela proprio un legame necessario tra diritti fondamentali e strumenti indispensabili per la loro attuazione.

Stefano Rodotà

Quando lo Stato privatizza una ferrovia, una linea aerea o la sanità, o cerca di privatizzare il servizio idrico integrato (cioè l’acqua potabile) o l’università, esso espropria la comunità (ogni suo singolo membro pro quota) dei suoi beni comuni (proprietà comune), in modo esattamente analogo e speculare rispetto a ciò che succede quando si espropria una proprietà privata per costruire una strada o un’altra opera pubblica.

Ugo Mattei

social networks

pagina facebook
pagina facebook
profilo instagram
Torna su