Categories: Articoli

webmaster

Share

Con comunicato stampa n. 54 del 29 Dicembre 2021, il Consiglio dei Ministri ha dato conto di quanto deciso nell’incontro dello scorso mercoledì 29 dicembre 2021, tenutosi a Palazzo Chigi, sotto la presidenza di Mario Draghi. 

Il Governo ha adottato, tra l’altro, ulteriori misure restrittive, ritenute e dichiarate “di contenimento dell’epidemia”.

Tra le misure adottate, si rilevano l’estensione del Green Pass rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza (cioè per una finestra temporale di oltre due mesi!!) alle seguenti attività: alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere; centri congressi; servizi di ristorazione all’aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici; piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto; centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto. Inoltre il Green Pass rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Alla luce delle risultanze fattuali fin qui emerse, appare chiaro come l’irrigidimento delle restrizioni in capo ai soggetti non vaccinati, nulla abbia a che vedere con il contrasto alla epidemia.

Ciò sul presupposto che è ormai evidente come anche i vaccinati contagino, che anche i vaccinati ricadono nella malattia, che il tampone sia l’unica misura utile al fine di conoscere lo stato di contagiosità effettivo di una persona. Invero, nonostante le criticità dello strumento, al momento é il solo utilizzabile per avere la maggior certezza dello stato di contagiosità o non contagiosità in capo a un soggetto.

Le misure adottate, pertanto, si sostanziano esclusivamente in una grave violazione dei diritti umani. 

Anzitutto, l’esclusione da attività svolte all’aperto è misura del tutto priva di ogni razionalità in ordine alla prevenzione dal contagio o alla tutela della salute. Sicché, è evidente come lo scopo della norma sia quella di introdurre una vera e propria forma di stigmatizzazione sociale e giuridica, assumendo le intenzioni del Governo un carattere sanzionatorio-punitivo più che di tutela della salute.

La spinta cosiddetta gentile e la narrazione per cui non sarebbe stato introdotto un obbligo surrettizio di vaccinazione sono a tutta evidenza sconfessate, posto che senza vaccino è inibita in toto la circolazione.

In assenza dei presupposti giuridici, prima e più che medici, per adottare un obbligo generalizzato di vaccinazione, la decisione di sottoporvisi o meno resta libera formalmente, ma in assenza di trattamento non si può autonomamente decidere di determinarsi a uscire, per esempio, dal Paese. Ciò integra uno stato di detenzione a tutti gli effetti e una nuova inaccettabile forma discriminatoria non solo in chiave sostanziale, ma altresì di censo. 

Solo chi ha la capacità economica per accedere a forme private di spostamento potrà eventualmente farvi ricorso, al fine di soddisfare le proprie volontà di movimento. Non però chi non ha sufficienti risorse. 

Tra questi ultimi, ben più grave è il caso di coloro che non hanno sostegno per esserne stati privati dallo Stato stesso, che li ha sanzionati con la sospensione dello stipendio per avere deciso, come pur potevano, di non aderire a una trattamento sanitario nemmeno raccomandato e non obbligatorio.

Si pensi, inoltre, che non solo la volontà di movimento è azzerata, ma altrettanto lo spostamento per necessità. 

A livello normativo, infatti, non si creano distinzioni utili, almeno non emergono dal comunicato stampa al momento solo documento consultabile in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto adottato. Di fatto, si priva dell’accesso ai servizi di pubblica necessità, o servizi pubblici in senso lato, anche persone che non hanno possibilità di accedere a strumenti alternativi. 

I disabili, per esempio, non guidano auto e al momento l’automobile per un non vaccinato che abbia avuto la fortuna di non cadere in malattia, guarendone, è il solo mezzo eventualmente impiegabile per spostarsi. Stesso discorso può valere per i cittadini di età avanzata, ma a meglio guardare vale per tutti, posto che nessuno è tenuto ad avere un auto di proprietà per potersi muovere. Nè altro mezzo.

Il vergognoso stato in cui verte questa Repubblica riscontra il grave silenzio dei chierici, da ritenere come una forma di connivente adesione alla deriva autoritaria che il Paese ha ormai più che intrapreso, conclamato.

Nemmeno, i politici della cosiddetta opposizione reagiscono coi modi necessari di fronte a un dispiegamento di decisioni gravissime e altamente impattanti nella vita dei cittadini da parte del governo (minuscolo voluto).

Il tutto mentre, nel complice silenzio dei media principali, si procede alla demolizione dei servizi pubblici e di quel che resta delle Istituzioni e delle tutele per i cittadini. 

Si pensi, sul punto, a quanto sta avvenendo per l’acqua, ove la riforma del servizio idrico contenuta nel DDL PNRR pone in discussione alla Camera un disegno di legge che ne riforma l’amministrazione, agevolando grandi aziende di settore quotate in borsa. Ciò con evidente agevolazione del processo di privatizzazione già da molto tempo avviato a dispetto della volontà dei cittadini, conclamata dagli esiti referendari del 2011.

Anche in tal caso va notato il modo occulto con cui si è provveduto ad introdurre tale previsione nella proposta di legge, mediante un emendamento aggiunto solo in fase di discussione alla Commissione Bilancio, come noto deputata alla trattazione di tutt’altra materia, quella economico-finanziaria.

Sicché, ritenuto che al momento nulla distingua questo Stato da altri regimi autoritari esistenti, col presente documento, la Cooperativa vuole denunciare la gravità delle misure adottate, assolutamente inaccettabili in un sistema democratico, e invocare l’intervento di tutti gli aventi titolo a porre un freno alla quotidiana violazione di diritti fondamentali, specificamente rivolgendosi al Presidente della Repubblica, che è Garante della Costituzione, affinché intervenga disponendo la Sua Autorità al servizio dei cittadini e non anche a una moltitudine di interessi particolari, quali sono quelli che si accodano alla gestione politica di questo governo.

Un monito si rivolge anche all’Accademia, affinché ritrovi il proprio ruolo di guida nei processi costituenti, quale è quello in cui viviamo attualmente, senza tradire ulteriormente la funzione sociale e civica che essa svolge nell’ordinamento, ove è deputata sia alla formazione delle generazioni future che alla integrazione dei mezzi di lettura sistematica di cui sono sprovvisti, per volontà, impossibilità od occasione, altri cittadini.

Infine, si chiamano gli stessi cittadini all’attuazione degli art.52 e 54 Cost., a mente dei quali sussiste il dovere di difendere lo stato costituzionale, invitandoli a reagire nelle forme costituzionali a quanto avviene, facendo fronte comune e non cedendo alla disgregazione sociale efferata cui invece ci proiettano i governanti con il supporto dell’informazione, che oscura, denigra e abbatte ogni tentativo di stimolazione critica e dubitativa del pensiero.

 

30/12/2021

Dip. Giuridico Generazioni Future

Leave A Comment

  1. Claudia 31 Dicembre 2021 at 12:49 - Reply

    Dobbiamo rimanere uniti e cercare di combattere questa dittatura

    • Maria Pia 31 Dicembre 2021 at 13:05 - Reply

      Io ci sono, ma che bisogna fare? Ho due figli che non potranno più fare sport. Io il terzo più piccolo mai fatti tamponi alla Asl, più che toglierlo da scuola che si può fare materialmente? Denunciamo chi? Come? Non ho soldi per cause “perse” in partenza…che si fa? Andiamo a incatenarci davanti al Parlamento? Andiamo….io non me posso più di chiacchiere, resistiamo fino a quando? C’è un obiettivo reale? Organizziamoci meglio ché ci si sente soli così e uno ad uno si cede psicologicamente e fisicamente…

      • Federica 31 Dicembre 2021 at 16:50 - Reply

        Aiutooo fermate questa deriva dove è finita la magistratura non è possibile che sono vernante tutti concordi con questo procedere… anche io ho due figlie che sono tagliate fuori da attività sportiva e non possono nemmeno più utilizzare i mezzi pubblici! Ma come si fa!

        • Carlo milanopulo 2 Gennaio 2022 at 17:51 - Reply

          Cara Federica la tua situazione è lo specchio di questa pazzia istituzionale.
          Solo appunto attraverso l’unione di forze intelligenti e coraggiose possiamo tentare di venirne fuori

      • Adelio Alquà 1 Gennaio 2022 at 21:13 - Reply

        Hai ragione, ma devi metterti intesta che passerà ancora del tempo prima che la situazione cambi, e poi in che direzione ora è difficile prevederlo. Più di quanto si sta facendo, lo so è poco, non possiamo fare. Forse accadrà qualcosa, forse no; ma è certo che questa cosa così non può reggere per un altro anno. Io ti consiglio, di non sacrificare troppo della tua vita e di quella dei tuoi figli alla coerenza, dove puoi transigere, transigi e cerca di vivere serena questi momenti difficili in attesa di quelli migliori. Ti ho risposto queste cose perché mi sei parsa un po’ disperata, e non devi esserlo, non sei sola. Fidati di un vecchio, tieni duro come puoi e sta allegra per i tuoi figli.

      • marirosa rizzi 3 Gennaio 2022 at 17:02 - Reply

        Leggo tutto e sono d’accordo soprattutto nel dire BASTA ALLE SOLE PAROLE….ma qualcuno ci deve dire COME MUOVERCI e dare un SEGNALE DI PARTENZA ALLA DISOBBEDIENZA.. sappiamo che a molti italiani sta bene questo sistema, a loro sembra che tuteli la salute… temono la malattia, la morte, certo. Ma così finiamo tutti per diventare schiavi per sempre, però non tutti siamo coesi nel pensare che il governo ci stia schiavizzando/ammazzando.
        MANCA L’AZIONE VERA ED EFFICACE. Una Rivoluzione può essere l’unica soluzione quando anche una Magistratura non va avanti con le indagini ed è sostanzialmente in accordo col sistema??? Un Paese senza Giustizia, senza più fiducia nelle istitutzioni, nei suoi rappresentanti (?) al governo che ci sbeffeggiano con i loro stipendi, i loro privilegi che non si contano e addirittura senza remore i loro aumenti ingiustificati di stipendi e sempre in momenti di gravità del Paese. Il MES?ammesso che ce ne fosse tutta questa necessità, ce lo mangeranno loro con le loro iniziative senza costrutto togliendoci tutte le possibilità di riformare i fondamentali su cui muovere la nuova vita del Paese…..BASTA..non vado avanti tutti sappiamo tutto e nessuno però FA. Scusate ma ci vuole una GUIDA, che sia formata da un Comitato, da più Comitati… ma alla fine si deve venire a capo e rifare il Paese. Noi cittadini siamo totalmente abbandonati a noi stessi.. Però c’é chi si sta organizzando in cooperative, associazioni di cittadini in completa autonomia dall’obbedienza ai dettami di uno stato per quel che riguarda la vita quotidiana, l’istruzione dei figli, ilproprio lavoro… stanno inventando una nuova vita, una via di salvezza all’obbedienza coatta. E’ questa la soluzione unica???? può darsi: incruenta. Sono nel Paese ma nello stesso tempo fuori, ubbidienza alle regole comuni civili penali etc., ma con vita propria: “nel mio lavoro non pui obbligarmi al vaccino, nella mia scuola non puoi obbligare insegnanti e bambini a vaccini e mascherine, ci sono o medici, avvocati etc… ci si rifornisce per i beni di consumo e prima necessità da produttori il più possibile locali e si reintroduce anche il baratto dove possibile. E non sono in capo al mondo… sono qui, cerchiamoli, prendiamoli come esempio e copiamo… se non sappiamo inventare. Questo è il solo altro modo al di fuori di una Rivoluzione, che ci può permettere di vivere ancora come cittadini liberi.. Certo più si allarga la cosa più ci sono possibilità….PENSIAMOCI, perché se nessuno fa niente per cambiare quello che c’é più in alto… Scusatemi ma è tanto tempo che tutti qyestipensieri stanno nella testa da anni… da anni vediamo le cose che non vanno …ora stiamo toccando il fondo.. se è vero il detto.. poi si dovrebbe risalire….

    • Giuseppa Basile 31 Dicembre 2021 at 13:23 - Reply

      Cosa dobbiamo fare

    • Simonetta Calzavara 31 Dicembre 2021 at 14:39 - Reply

      Solo l’unione fa la forza .. uniti per la difesa dei diritti umani, della nostra Costituzione calpestata in nome di una follia di pochi che pensano che il mondo e i popoli siano loro merce

    • Andrea Broi 1 Gennaio 2022 at 10:59 - Reply

      Ottimo articolo …condivido pienamente..
      Si è voluto stigmatizzare volutamente i non vaccinati con la complicità pressoché totale dei media. È di fatto una gogna pubblica per dei cittadini che hanno fatto una libera scelta. La distorsione che si è creata è abnorme e sotto gli occhi di tutti. Per esercitare una libera scelta è necessario essere ricchi o accettare l’indigenza, la povertà e l’umiliazione. Questa è la verità. Quanti lavoratori si sono vaccinati perché non potevano economicamente sostenere i tamponi? Quanti ora vaccineranno i loro figli contro la loro volontà nonostante non ci sia l’obbligo vaccinale? Perché senza bus non possono andare a scuola…e gli adulti non possono andare al lavoro. Questa una strada da seguire. …Se non vige l’obbligo, lo Stato non può siscriminare tra ricchi e poveri… e poi dovranno dimostrare che era necessario protrarre così a lungo uno stato d’emergenza.

    • Daniela 23 Gennaio 2022 at 04:15 - Reply

      Non ho parole per esprimere la mia solidarietà

  2. anna maria cebrelli 31 Dicembre 2021 at 13:22 - Reply

    Concretamente, cosa si può fare – come semplici cittadini – per difendere lo stato costituzionale? Grazie.

  3. Rizzardo Daniela 31 Dicembre 2021 at 13:23 - Reply

    Si abbiamo bisogno di cose concrete da farsi dovremmo fare una vera marcia su Roma !! Ma in milioni, no poche migliaia…
    Io sono pronta !!!

    • Al 2 Gennaio 2022 at 09:10 - Reply

      c’è ora la possibilità di marciare su Roma, pacificamente, senza slogan, e rispettando la legge: “La marcia delle libertà” proposta dal giudice Paolo Sceusa. Lui partirà il 6 Gennaio 2022 da solo da Venezia, chi vorrà si potrà aggregare a lui, per tutta la marcia (a piedi) o anche solo per un breve tratto, purché sia autonomo nell’organizzazione (mangiare, dormire ed altre necessità). Dobbiamo farlo in tanti superando le difficoltà con fantasia: staffette con camper di supporto o auto, biciclette che consentano poi di ritornare più velocemente a casa, amici disposti ad ospitare, ecc.. Facciamoci vedere!!!

  4. Lucia Petrini 31 Dicembre 2021 at 13:28 - Reply

    Abito a Palau e per assistere mia madre e mio fratello che vivono sull’isola di La Maddalena, e per i quali ho la 104 perché invalidi civili al 100%, dal 10/01 non potrò più prendere il traghetto neanche con il tampone.

    • Renato Garibaldi 31 Dicembre 2021 at 16:47 - Reply

      Lo prendi lo stesso. Io ho lo stesso problema per raggiungere il Lido di Venezia (vedi) ma salgo senza paura. Infatti il controllore non può sanzionarti (lo possono fare solo le forze dell’ordine: carabinieri, polizia, municipale) ma solo invitarti a scendere alla prima fermata (che per te è la Maddalena, per me il Lido stesso). Quindi forza e onore e non farti intimorire. Questa faccenda durerà un mese al massimo, poi nessuno ti chiederà nulla (fino ad ora a me non è mai successo). Tieni duro!
      telegram: renato garibaldi (si, proprio così)

      • Silvia 31 Dicembre 2021 at 17:18 - Reply

        Ciao, anche io dovrò raggiungere tutti i giorni il Lido di Venezia e ritorno per lavoro. Tra l’altra con una bimba piccola che va al nido al Lido. Io abito a Ca’ Savio, tu dove? Te lo chiedo perché se siamo più persone a prendere sempre lo stesso mezzo ed ad affrontare la situazione ci si dà forza e ci si aiuta a vicenda.

      • Sederica 2 Gennaio 2022 at 16:08 - Reply

        ok per il trasporto locale. Ma un residente in Sardegna o Sicilia che non rientri prima del 10 gennaio non potrà tornare a casa propria, perché aerei e traghetti a lunga percorrenza applicano severi controlli alla partenza. Non ci si potrà imbarcare nemmeno in violazione della norma.
        A meno che, beninteso, non ci sia una deroga per i residenti, che non ho saputo evincere dai testi di legge.

  5. Edoardo De Coster 31 Dicembre 2021 at 13:29 - Reply

    Anch’io ero su queste posizioni, ma poi ben ragionando sul fatto che qualsiasi tipo di vaccinazione, prima seconda o terza dose che sia, viene erogata totalmente a costo ZERO e la sua prenotazione può avvenire in modo immediato in qualsiasi data lavorativa o festiva, la denuncia di stato autoritario mi mi sembra puramente strumentale.

    È come denunciare il proprio sequestro da parte di chi detiene piena libertà di accedere e uscire dalla clausura compreso il pieno possesso delle chiavi.

    • Bozena 31 Dicembre 2021 at 13:39 - Reply

      Qui si parla di un obbligo in agguato per tutti, ed di un rifiuto ad addossarsi la responsabilità penale per i danni da vaccino. Un’autorizzazione temporanea d’emergenza esclude l’obbligo per qualsiasi categoria. Lei è ora con il mainstream? È facile essere manipolati ascoltando una sola campana.

    • Alessandro 31 Dicembre 2021 at 13:54 - Reply

      Caro Edoardo, seguendo la logica del tuo ragionamento, la richiesta del pizzo da parte di un mafioso a un esercente sarebbe lecita, in fondo anche in quel caso il negoziante possiede, come ti esprimi, le chiavi per uscire dalla sua situazione. E se obiettassi che la differenza è che i sieri sono gratis, allora cambia l’esempio e prendi la violenza sessuale. In fondo la vittima basta che ci stia e tutto finisce. È pure gratis. Come era gratis prendere la tessera fascista, era gratis evitare il gulag rinunciando a dissentire, era gratis abiurare davanti all’Inquisizione, era gratis abiurare il cristianesimo per i martiri dei primi secoli dati in pasto ai leoni. Ciò che sostieni trasforma la vittima di una violenza nel responsabile della stessa, non ti pare? E paradossalmente più la violenza è grande, più la responsabilità della.vittima aumenterebbe: in fondo si ostina per una cosa così piccolo in relazione al male che eviterebbe, è proprio uno stolto.

      • GIORGIO CIALONE 31 Dicembre 2021 at 15:47 - Reply

        Gentile Alessandro, è semplicemente inutile spiegare a persone come DeCoster la situazione in cui ci troviamo. Purtroppo è a causa di quelli (troppi) come lui che, poverini ce la mettono tutta ma non hanno i mezzi cognitivi per capire, ci troviamo in questa condizione. Se ci sarà qualche azione più significativa per riscattare il diritto alla libertà di vivere sappi che dovremmo farlo caricandoci anche dei pecoroni sulle spalle .

      • Paolina 1 Gennaio 2022 at 11:49 - Reply

        applausi……grazie

      • Maria M 1 Gennaio 2022 at 12:32 - Reply

        Grazie Alessandro per la risposta pacata e chiara. Incredibile la cecità di alcuni.

      • Diana Maria Bof 1 Gennaio 2022 at 23:26 - Reply

        Ottimo e poi… i vaccini NON SONO GRATIS!!!! Li abbiamo pagati con le nostre tasse!!!!!

      • Diana Maria Bof 1 Gennaio 2022 at 23:28 - Reply

        ????????????????????

    • federico 31 Dicembre 2021 at 14:03 - Reply

      diritti di cittadinanza a tempo determinato previa somministrazione di farmaco sperimentale pericoloso ed inefficace rispetto al fine dichiarato… ma mi faccia il piacere!

      • george 31 Dicembre 2021 at 14:55 - Reply

        Ha fatto bene a sottolineare ‘a tempo determinato’. Perché, scaduti i sei mesi del green pass, senza la terza dose i diritti scadranno.
        Ora, se per due dosi c’è l’autorizzazione condizionata dell’EMA, qual è lo status giuridico della terza dose?
        In base ai documenti dell’AIFA, la dose booster, per soggeti non immunodepressi, non fa parte del ciclo vaccinale primario. Quindi? Non ho capito su quale norma si basa la terza dose. E’ una domanda che faccio, e non so rispondermi.
        Ho letto un po’ di tempo fa (non so se sia cambiato, è da controllare ) il ‘consenso informato’ della terza dose. Praticamente non dice niente, non è come quello della prima e seconda dose che riporta varie avvertenze, effetti avversi, etc.. Dice solo: “sono stato informato (ma di che?) e dò il consenso”.
        Quello che ho scoperto di recente è che la seconda dose eterologa, cioè Pfitzer/Moderna dopo la prima con Astrazeneca, era fino a poco tempo fa (poi l’Aifa è intervenuta) somministrata in base alla legge sui farmaci off-label.
        Ossia, se la si legge, una legge per farmaci usati in emergenza in mancanza di alternative, con sperimentazione che può fermarsi alla 2° fase, nemmeno iniziata 3° fase di sperimentazione!
        Poiché all’inizio non si poteva scegliere di avere una seconda dose di Astrazeneca, ma solo eterologa con Pfitzer/Moderna (poi lo hanno concesso), hanno obbligato la gente a una somministrazione di un farmaco off label!
        Sarà un dettaglio, ma mi sembra che la dica lunga sull’attenzione agli aspetti giuridici e ai diritti di scelta del cittadino in materia sanitaria.

        • mariangela 6 Gennaio 2022 at 20:12 - Reply

          Ora è passato l’obbligo di vaccino per gli over 50, tutti i lavoratori etc etc
          A questo punto oltre a raccontarci che siamo immersi in una follia delirante, qual’è il nostro campo d’azione senza doverci fare troppo male. Non voglio fare l’eroe voglio poter lavorare, non voglio perdere lo stipendio
          voglio proprio potermi difendere con le armi della legalità
          Io finora ho rispettato la pazzia del green pass, non entro nei locali, tampone a euro 15 per lavorare in mancanza permessi , ferie
          Fra l’altro mai vista tanta solerzia nei controlli del green pass, dai locali al lavoro
          ok che azione fare per una legittima difesa?

          • Carmen 15 Gennaio 2022 at 20:06

            Concordo in toto. Prof. Mattei può indicarci dei ricorsi collettivi contro il Green Pass e adesso contro questo illegittimo obbligo vaccinale cui possiamo aderire?

    • Dominic 31 Dicembre 2021 at 14:42 - Reply

      https://ichgcp.net/it/clinical-trials-registry/NCT04816643

      Costo Zero fare sperimenti sulla pelle delle persone?
      Costo Zero con alle spalle degli Sponsor:
      Lead Sponsor: BioNTech SE
      Collaboratore: Pfizer

      ???

      Se ti sei gia’ vaccinato non potrati piu’ tornare sulla tua posizione.
      Mai piu’.

    • Silvia 31 Dicembre 2021 at 14:47 - Reply

      Detto in modo elegante e forbito al posto di “…..ma vai a farti il vaccino e non rompere…..” . Cambia la forma, ma non la sostanza….. “surretizio” magica parola per quello che stiamo vivendo ….

    • Ellis 31 Dicembre 2021 at 15:32 - Reply

      Costo zero? Sicuro? Quindi questi vaccini sono stati donati agli stati? Le mie tasse non li hanno pagati? E addirittura la denuncia di stato autoritario è strumentale! Certo, certo. Quindi nel momento in cui il mio presunto, e solo presunto eh, sequestratore mi ha reso disabile (reazioni avversa al vaccino), magari con una gamba amputata (come successo al giornalista siciliano) poi mi dice: “bè le chiavi della libertà io te le avevo date…” Sì direi che in quel caso la denuncia di stato autoritario sia assolutamente strumentale. Fatevi curare, ma da uno bravo
      https://livesicilia.it/2021/07/22/vaccino-trombosi-e-gamba-amputata-telefonate-registrate-video/

    • Ellis 31 Dicembre 2021 at 15:45 - Reply

      E poi carissimo Edoardo, dimmi gli operatori negli hub vaccinali e tutto il circo messo su, chi lo paga? Ti faccio un disegnino? Ma per tanti si fanno scippare senza nemmeno essersi accorti di essere stati derubati! Io spero tanto nella terza dose…

    • Antonella 31 Dicembre 2021 at 16:21 - Reply

      Perdoni, la gratuità del vaccino non garantisce affatto L equità delle norme sopra descritte. A ben vedere i vaccini sono acquistati dallo stato con i soldi dei contribuenti tutti, quindi gratuiti solo apparentemente. E la libertà condizionata invece va bene? Non è un valore perché non si paga? Io non ne posso più di vedute così ristrette

    • Cif 31 Dicembre 2021 at 16:54 - Reply

      Tu credi davvero che questo trattamento sanitario non ti darà conseguenze sulla salute!? E nel caso succedesse pensi che ti sarebbero riconosciute? Allo stato attuale delle cose saresti lasciato solo così come già capita ad altri che is sono trovati in questa situazione. Tutta questa restrizione per avere la situazione che abbiamo. Non ti viene il dubbio che il vaccino dia una falsa sicurezza e per assurdo i soli che si controllano davvvero siano non vaccinati? Bisogba aprire la mente….. La salute (tra l’altro quale?) senza libertà a che ti serve?

    • Rodolfo Medina 1 Gennaio 2022 at 15:58 - Reply

      608 morti in 9 mesi ufficialmente accertati a causa del vaccino Pfizer: lo dice il Presidente dell’Aifa Palù in audizione al Senato il 7 dic 2021

    • mark 2 Gennaio 2022 at 00:02 - Reply

      “a costo ZERO” ?!?
      ehmmmm … sarebbero gentile omaggio umanitario da bigpahrma? a 20€/dose ca è ricarico 10x almeno sul costo,
      https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/01410768211053006
      se poi Pfizer dice che ha invece 25% margine, la differenza dove sarà? corru… ehm, ‘marketing’ (ricordare il documentario RAI “inventori di malattie”, bigpharma: 31mld$ R&D contro 67 ‘marketing e amministrazione’ – il video si trova in rete es radioradio etc).
      E i vaccinatori a cottimo (anche se ora hanno cambiato a giornata)? e i controlli della polizia politico-sanitaria? E i controllori ad hoc? E l’infrastruttura? I(l) commissari(o)? I mezzi, esercito e no? E la propaganda sui media?
      Tutto sulle finanze/debito pubblico.
      Per non parlare dell’insulsa tamponopoli, vedasi conti/stime dal ‘coordinamento 15 ottobre’: 2.6mld€ solo x i PCR solo nel 2021.

      Ovviamente soprattutto stanno gli aspetti incostituzionali, etici, politici, criminali già ripresi da altre risposte, il costo della devastazione psicologica, culturale sociale politica ed economica (ed umana, che a quelli uccisi o invalidati dai sieri van aggiunti quelli uccisi dalle cure negate e dal protocollo di ospedalizzazione ministeriale) dell’agenda vaccinatoria finalizzata al ‘pass’ totalitario.

      Altro che ‘costo zero’

  6. giuseppe 31 Dicembre 2021 at 15:34 - Reply

    E’ di tutta evidenza che si sta sperimentando un protocollo di gestione della popolazione quando la sciagurata compagine UE/NATO coinvolgerà la Russia ad un conflitto che richiede un sistema collaudato di controllo.
    I contagi stagionali ci sono sempre stati ma chiedere all’Istat quanti contagi registrarono nel 2018 e 2019 ,sono certo che non avrebbe risposta perché hanno altre pratiche più urgenti da sbrigare.
    Nessuno nel Parlamento chiederà ,in Parlamento, al Ministro della Salute
    quanti “decessi” ,attribuiti al Covid ,ci furono nelle RSA di anziani con pluri-patologie ,in Italia nel periodo 1^gennaio/31 dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo di quest’anno ,in modo da valutare il loro rapporto sul totale dei decessi per Covid ed altre malattie respiratorie?

  7. george 31 Dicembre 2021 at 15:59 - Reply

    Vedo che molte persone, giustamente, si chiedono cosa si possa fare concretamente da cittadini.
    Poiché nel documento sopra si fa appello anche all’Accademia, perché svolga un ruolo nella difesa dell Costituzione, chiedo se, come Generazioni Future, si sta cercando un collegamento con i 1100 docenti universitari che hanno firmato l’appello contro il green pass.

  8. Filippo 31 Dicembre 2021 at 16:15 - Reply

    Cari amici ma vi rendete conto di quali “pecore” popolano l’Italia…avete visto le file dietro le farmacie per certificare un’influenza “costruita”? E soprattutto…oggi nessuno è più alla ricerca di chi ha provocato tutto questo…ma il capro espiatorio è diventato il no green pass……cosa abbiamo fatto in questi anni? abbiamo permesso a chicchessia di andare al potere….e prostitute al parlamento….spero che prendiamo tutti un bel caffè e ci svegliamo…se no perdiamo il Paese più ambito del mondo….lo vogliamo regalare????? Io no

  9. Bruno 31 Dicembre 2021 at 16:51 - Reply

    1) Questo “Regime Farmacista” (o “Repubblica alla Vaccinara” che dir si voglia) è andato oltre il Regime Fascista: l’olio di ricino dava “effetti collaterali” spiacevoli, ma brevi e transitori; alle “terapie geniche” americane, di cui nessun presunto “esperto” italiota conosce davvero la composizione, è allegato viceversa un “bugiardino” sul quale, nero su bianco, si ammette apertamente che i rischi futuri (e irrimediabili!) sono sconosciuti, e dunque potenzialmente anche gravi o gravissimi! E né lo Stato, né i “punturatori”, né i produttori potranno essere chiamati a risponderne in sede civile e penale! 2) Ma, a mio parere, le follie giuridiche a cui assistiamo sono in realtà “lucide follie” che hanno, per il Regime, fortissime motivazioni difensive: nel contesto di quella che è a tutti gli effetti una “sperimentazione di massa” fatta sulla pelle di cittadini preventivamente terrorizzati dal “mainstream”, in previsione di possibili futuri effetti collaterali importanti, gravi o gravissimi, è fondamentale non lasciar fuori milioni di “non trattati” che fungerebbero da “gruppo di controllo” di un eventuale disastro terapeutico! 3) E infine, è davvero vergognoso che in una casta togata solitamente nevrotica e iperattiva non si trovi “un giudice a Berlino” che cerchi di fermare o contrastare questa barbarie!

    • Cif 31 Dicembre 2021 at 16:56 - Reply

      La repubblica alla vaccinara calza a pennello!

      • george 31 Dicembre 2021 at 17:16 - Reply

        Be’, in effetti, ormai dire ‘repubblica delle banane’ è offensivo per le banane.

    • Dominic 31 Dicembre 2021 at 22:14 - Reply

      Questo si chiama parlare chiaro. Condivido pienamente.

  10. Andrea 31 Dicembre 2021 at 18:14 - Reply

    Scusate l’ignoranza,
    ma un bell’esposto in procura a firma di tutti i sani di mente no?
    Mi sembra che di reati contro la costituzione questi draghetti ne stiano facendo. .. O no?
    Perché alla fine della fiera tutti sti articoli giustissimi e tutte queste lettere aperte a cosa servono?

    Penserete mica che il PDR si intenerisca e blocchi questa distopia che lui stesso ha contribuito a creare in questi mesi?

    Io penso che gli accademici proprio per il loro ruolo sociale debbano prendersi le palle in mano ed esporsi con un’azione presso la magistratura.

  11. Isabella barra 31 Dicembre 2021 at 19:26 - Reply

    Io abito a Torino ed ho una figlia di 15 anni che vive a Roma. Quindi sicuramente almeno per 3 mesi non potrò andare a visitarla. Non è questa una grave violazione dei diritti del minore e dei miei? Non posso salire sul treno e scendere alla fermata successiva. Dovrei fare tanti biglietti ed il viaggio durerebbe una giornata… O più… Come posso difendermi?

    • Rog 5 Gennaio 2022 at 11:27 - Reply

      Un’alternativa concreta sono i viaggi in auto condivisi, esistono diversi siti che organizzano questo servizio, di cui uno piuttosto popolare, lo troverà immediatamente con motore di ricerca. Oltre a chiari intenti politici, sembra che ci sia un sadico gusto nel creare odio e distanza tra le persone. Non rinunci.

  12. adriana 1 Gennaio 2022 at 10:22 - Reply

    Vorrei dire qualcosa sulla presunta “gratuità” dei vaccini: lo stato italiano, con l’Europa, ha finanziato con enormi somme l’industria farmaceutica per lo sviluppo dei vaccini e ancora adesso continua a pagare per l’acquisto di altre 250 milioni di dosi (quasi 2 miliardi stanziati) oltre alle 100 milioni di dosi già consegnate e somministrate, questo a nostre spese, e a spese delle generazioni future.
    Non ho sentito nessuno che ha sottolineato questi dati, già da mesi evidentemente si è deciso che bisognerà fare almeno 4 richiami, e che lo facciano tutti i cittadini da 0 a 90 anni. Lo stesso zelo non è posto per migliorare i servizi sanitari, la medicina territoriale, aumentare i posti letto e le terapie intensive, ecc…
    I tamponi, strumenti che consentono di tracciare i contagi e prevenire l’espansione incontrollata dell’epidemia,, sono invece pagati direttamente dai cittadini “disobbedienti” . chi sa se l’ondata di tamponi fatta in questi giorni da milioni di vaccinati possa far percepire la distorsione di questo sistema.

  13. Edonardo 1 Gennaio 2022 at 12:38 - Reply

    Su comedonchisciotte.org c’è un articolo di Bhakdi/Burkhardt in cui dice che:
    “I reperti autoptici mostrano che il 93% dei decessi dopo la vaccinazione erano stati causati dal vaccino COVID”
    A proposito di generazioni future qualcuno si chiede…
    “Ci stiamo dirigendo verso una situazione in cui un ~30% di non vaccinati dedicherà la propria vita a far funzionare ciò che resta dell’infrastruttura economica e a fare da badante ai vaccinati?”

  14. Paolo 1 Gennaio 2022 at 12:52 - Reply

    La deriva autoritaria di questo governo del presidente ed imposto ai cittadini è ormai palese
    Il parlamento è esautorato, la opposizione una foglia di fico, la politica totalmente assente.
    I c.d.scienziati sono impegnati a supportare scelte governative che nulla hanno di scientifico o tantomeno sanitario in una sorta di delirio scientista.
    La quasi totalità dei mezzi di informazione fa propaganda in modo aggressivo a favore della narrazione governativa .
    La medicina è stata ridotta alla sola propaganda di farmaci sperimentali presentati come l’unica soluzione valida per tutti.
    Il medico non cura più, ma somministra composti creati con simulazioni al computer da ingegneri biochimici e genetici.
    La magistratura nella quasi totalità non interviene o interviene per dare una parvenza di legittimità (ad esempio dicendo che il vaccino obbligatorio Sars cov 2 per i sanitari troverebbe ragione nell’ art 2 della costituzione (!)).
    Quindi fino a quando le persone, almeno in maggioranza , non prenderanno coscienza della gravità della situazione e del pericolo per la democrazia è la libertà, non si potrà che resistere ma si deve a mio parere anche denunciare nelle sedi deputate (anche giudiziarie) l’operato del pdc e dei ministri , coinvolgendo anche quei pochi parlamentare che ancora mantengono un minimo di dignità nel difendere le prerogative e le libertà costituzionali

    • Andrea Broi 1 Gennaio 2022 at 20:07 - Reply

      Fino a che vige lo stato d’emergenza si legittima lo “status quo” e quindi arbitrariamente i diritti fondamentali sono sospesi in nome della tutela della salute pubblica, cioè quella di tutti. Dobbiamo batterci affinché lo Stato d’emergenza cessi. E successivamente lo Stato dovrà rendere conto del suo operato. Dovrà dimostrare che il suo operato è stato trasparente, che la privazione dei diritti fondamentali di libertà, uguaglianza, lavoro, istruzione ecc erano inevitabili e giustificati. Lo Stato dovrà dimostrare perché non ha potuto garantire i fondamentali diritti costituzionali art. 1 art. 3 in primis. È evidente a mio parere che la magistratura prima o poi prenderà posizione…..se la tutela della salute pubblica è tale da mettere in secondo piano tutti gli altri diritti…perché non si è fin da subito imposto l’obbligo vaccinale? Certo si poteva dissentire ma a mio parere sarebbe stata una scelta più coerente.
      È invece ipocrita, e a mio parere illegittima, questa posizione che di fatto impone un obbligo vaccinale “sostanziale” pur non essendoci in linea teorica.

      • mark 2 Gennaio 2022 at 00:30 - Reply

        veramente lo stato di emergenza non leggittima alcunchè, essendo illegittimo e altro https://www.ambientediritto.it/giurisprudenza/tribunale-di-pisa-sezione-penale-17-03-2021-sentenza-n-419/
        Magistratura? FFOO? FFAA? mah c’è/era consapevolezza – vedasi es “La Costituzione non si sospende! – Riflessioni su “Diritti e Libertà” …” su cataniacreattiva-punto-it di apr’20 e alcuni blog su poliziotti-punto-it ’20/’21 ma a quanto pare la gran parte, come nell’accademia e ‘intellettuali’, forse connivente/consenziente col golpe

  15. polena66@tiscali.it 1 Gennaio 2022 at 14:21 - Reply
  16. polena66@tiscali.it 1 Gennaio 2022 at 14:23 - Reply

    Io attualmente mi trovo all’estero e rientro con l’aereo il 19 gennaio. Arrivo a Roma. Dovrei poi prendere treno per tornare a mio domicilio in Calabria. E come faccio senza super GP?! Mi impediscono di tornare in luogo di mia residenza?

  17. Elisa 1 Gennaio 2022 at 15:08 - Reply

    Condivido tutto del post.
    Purtroppo nè il Presidente della Repubblica nè la magistratura ci verranno in aiuto. Sono tutti conformati all’ideologia vaccinale o per interesse o per disinteresse.
    Mi aspetto novità dopo il rinnovo della carica in febbraio, indipendentemente da chi verrà eletto.
    Mi aspetto e mi auguro che omicron ci dia una mano.

  18. george 1 Gennaio 2022 at 15:46 - Reply

    “non solo la volontà di movimento è azzerata, ma altrettanto lo spostamento per necessità.”
    A proposito del fatto che sembrano non previsti motivi di necessità e di urgenza, noto che il decreto impatta pure sul diritto alla salute, in particolare dei meno abbienti.
    Conosco persone che hanno problemi di salute seri, e al momento non possono vaccinarsi, che sono private della possibilità di andare con i mezzi pubblici a fare le visite e gli accertamenti prescritti, e non hanno la possibilità economica di avere un mezzo privato o di prendere continuamente taxi.
    Quindi? Devono rinunciare a curarsi?

  19. Cristian Locatelli 1 Gennaio 2022 at 16:31 - Reply

    MOLTI DI COLORO CHE SCRIVONO SI DOMANDANO COME COSA E QUANDO EBBENE NON ABBIAMO AL MOMENTO ALTRO CHE NOI SIAMO NOI IL NOSTRO AIUTO CONTINUIAMO AD UNIRCI A FAR CIRCOLARE IDEE PUNTK DI VISTA COMUNICHIAMO E AL MOMENTO ADOTTIAMO TUTTI GLI ESPEDIENTI POSSIBILI SINCHÉ RIUSCIREMO A DARE UNA STRUTTURA UN SENSO A TUTTO QUELLO CHE PROPONIAMO NON ESISTONO SOLUZIINI ALLA CARTE BISOGNA LOTTARE PER LA LIBERTÀ

  20. Cristian Locatelli 1 Gennaio 2022 at 16:33 - Reply

    MOLTI DI COLORO CHE SCRIVONO SI DOMANDANO COME COSA E QUANDO EBBENE NON ABBIAMO AL MOMENTO ALTRO CHE NOI SIAMO NOI IL NOSTRO AIUTO CONTINUIAMO AD UNIRCI A FAR CIRCOLARE IDEE PUNTI DI VISTA COMUNICHIAMO E AL MOMENTO ADOTTIAMO TUTTI GLI ESPEDIENTI POSSIBILI SINCHÉ RIUSCIREMO A DARE UNA STRUTTURA UN SENSO A TUTTO QUELLO CHE PROPONIAMO NON ESISTONO SOLUZIONI ALLA CARTE BISOGNA LOTTARE PER LA LIBERTÀ

    • Raffaella 1 Gennaio 2022 at 19:24 - Reply

      si cosa dobbiamo fare nel senso che ciò che è stato scritto nell’articolo è condivisibile, ma dobbiamo raccogliere firme per denunciare al Presidente della Repubblica , alla Corte di Giustizia , e soprattutto capire come possiamo difendere i nostri diritti e attuare gli art.52 e 54 , come in che modo???

  21. Andrea 2 Gennaio 2022 at 07:24 - Reply

    Domanda seria di uno che è solo un operaio e che quindi certi tecnicismi non li conosce.

    Magari parto da un presupposto sbagliato.
    Cioè :
    Per prolungare lo stato di emergenza fino al 31 marzo 2022 non serve almeno una legge votata dalla parlamento ?
    O basta davvero che 4 amici al bar si trovino e lo decidano attraverso un comunicato stampa?
    Perché se serve una legge parlamentare. .. Questa non c’è, ad oggi
    Quindi tutto ciò che è legato allo stato di emergenza, in primis il Green Pass e successive versioni non vale più.
    Spero che qualcuno mi risponda.
    Grazie
    Andrea

    • Raffaella 2 Gennaio 2022 at 13:14 - Reply

      concordo!!! Prof Mattei per favore ci illumini! Lo stato di emergenza dopo 12 mesi era prorogabile per altri 12 mesi per legge

  22. Raffaella 2 Gennaio 2022 at 13:20 - Reply

    una domanda sciocca … ma noi poveri ratti di fogna possiamo andare nei negozi e nei supermercati, muniti di mascherina come tutti gli altri, ma al cinema per esempio No, nonostante anche al cinema non ci si tolga mai la mascherina. Mi spiegate la logica per favore? Non posso portare mia figlia in montagna , ma nemmeno al cinema vi rendete conto?
    Prof Mattei per favore come si può far valere i propri diritti? Mi dia per favore dei riferimenti di legge degli articoli e io mi presento al cinema senza greenpass e che chiamino la polizia i carabinieri che provino ad arrestarmi, ma la prego mi dia gli strumenti per lottare

  23. Carmen Arioli 2 Gennaio 2022 at 14:30 - Reply

    C’era un Referendum che avremmo potuto firmare, lo abbiamo fatto? Ora in molti comuni italiani è stata depositata un legge di iniziativa popolare “diritto alla salute e libertà”, pensiamo di contattare il Comune e andare a firmare? Si, No? E se non facciamo neppure questo potremmo andarcene tutti nel lamentificio eterno!

    • Raffaella 3 Gennaio 2022 at 10:52 - Reply

      Buongiorno Carmen , quale Referendum?, in che data? e per favore può dare dettagli più precisi in merito all’iniziativa popolare?
      grazie

  24. Elena Esposito 3 Gennaio 2022 at 10:06 - Reply

    Invito tutti a partecipare alla Marcia per le Libertà, a riempire le strade!

    https://t.me/SceusaP

Related Posts

  • Continua a leggere
  • Continua a leggere
  • Continua a leggere