COMMONS TV

https://www.youtube.com/watch?v=XvuP1M9d5F4&list=PLhZ1taXh9BWyqmuSUNXhLCxIzso-0Odry

Partecipa alla nostra campagna, scopri come cliccando QUI!

ULTIME NOTIZIE

La scuola che non c’è
(e che vogliamo)

di Danilo D’Angelo  Chi mi conosce sa che pecco di memoria. Non sono mai riuscito a recitare una poesia o a ricordarmi i numeri telefonici, prima che la vita di tutta l’umanità venisse modificata dall’arrivo dei telefoni cellulari. Incredibilmente, però, so a memoria tutti i testi dei musicisti che apprezzo

lEGGI TUTTO »

Il Programma – Prima Assemblea Generazioni Future

PRIMA ASSEMBLEA DELLE SOCIE E DEI SOCI Generazioni Future, Società Cooperativa di mutuo soccorso “Stefano Rodotà” Sabato 27 Marzo 2021 – ore 10:00 Convocazione dell’Assemblea: https://generazionifuture.org/prima-assemblea-di-generazioni-future-27-marzo-2021-ore-1000/ PROGRAMMA Relazione dei gruppi di lavoro, in preparazione dell’Assemblea 10:05              Statuto e Regolamento: le bozze e il lavoro in corso 10:15              Dipartimenti: Politico, Giuridico,

lEGGI TUTTO »

I diritti giuridici della natura

Nota di Antonio Vercellone su doppiozero.com, in merito all’ultimo libro di Michael W. Monterossi “L’orizzonte intergenerazionale del diritto civile. Tutela, soggettività, azione” (ETS, 2020) Dal fine vita alle nuove tecnologie, dall’emersione di nuove forme di famiglia ai cambiamenti climatici, passando per il virus. È la natura – che di questi

lEGGI TUTTO »
Ugo Mattei

ANTROPOCENE. Il vuoto creato dalla bancarotta intellettuale

Saggio di Ugo Mattei pubblicato su Multiverso Nel 1944, pubblicando La grande trasformazione, Karl Polanyi descrive come lo sviluppo dell’economia di mercato, oramai assurta a unica forma di economia, avesse svuotato il tessuto sociale e culturale snaturando le relazioni di produzione e di scambio così come erano conosciute prima della

lEGGI TUTTO »

NEWSLETTER

ULTIMI EVENTI

TESTIMONIANZE

La «rivoluzione dei beni comuni», che ci porta sempre più intensamente al di là della dicotomia proprietà privata/proprietà pubblica; ci parla dell’aria, dell’acqua, del cibo, della conoscenza; ci mostra la connessione sempre più forte tra persone e mondo esterno, e delle persone tra loro; ci rivela proprio un legame necessario tra diritti fondamentali e strumenti indispensabili per la loro attuazione.

Stefano Rodotà

Quando lo Stato privatizza una ferrovia, una linea aerea o la sanità, o cerca di privatizzare il servizio idrico integrato (cioè l’acqua potabile) o l’università, esso espropria la comunità (ogni suo singolo membro pro quota) dei suoi beni comuni (proprietà comune), in modo esattamente analogo e speculare rispetto a ciò che succede quando si espropria una proprietà privata per costruire una strada o un’altra opera pubblica.

Ugo Mattei

tramandare

DONAZIONI

DIFENDI I BENI COMUNI

social networks

PAGINA FACEBOOK
GRUPPO FACEBOOK
Torna su